Festival “Note oltre i confini 2023”

sabato 04 febbraio 2023 ORE: 20.30 REGGIO EMILIA, Palazzo Malaspina
LOGO NOTE 2023

Sabato 4 febbraio
REGGIO EMILIA, Palazzo Malaspina

NOTE OLTRE I CONFINI 2023. Dialoghi
Direzione artistica di Gemma Bertagnolli e Giovanni Bietti

 

DIALOGHI NEL TEMPO: ARS PERFECTA
Ars perfecta, l’arte perfetta: è così che alcuni teorici definivano la musica polifonica del pieno Cinquecento. Un’arte che, nella percezione dei contemporanei, aveva raggiunto la massima perfezione immaginabile nella fluidità delle linee vocali, nella libertà espressiva e allo stesso tempo nel rigore della scrittura contrappuntistica. Questo primo week end accosta, in un entusiasmante dialogo tra grandi Classici attraverso i secoli, due straordinarie espressioni di musica da camera: il Madrigale tardo-rinascimentale e il Quartetto per archi di fine Settecento-inizio Ottocento, una forma d’arte ugualmente perfezionata e altrettanto “universale” nell’accostamento, miracoloso, di libertà e rigore.

Ascolta l’audio della prima puntata dei “Racconti di un viandante. Passeggiando sotto i portici di Reggio Emilia”
Clicca QUI

 

ore 18.00 Musica e poesia
Con GIOVANNI BIETTI e GEMMA BERTAGNOLLI, Un dialogo tra suoni e parole

 

ore 20.30 Lezione-concerto
Con GIOVANNI BIETTI
ENSEMBLE ROSSO PORPORA
Cristina Fanelli e Anna Piroli, canti
Elisabetta Vuocolo, alto
Massimo Lombardi, tenore
Giacomo Schiavo, tenore
Guglielmo Buonsanti, basso
Walter Testolin, direttore

 

Programma:
Luca Marenzio, Come inanti de l’alba
Giaches de Wert, Sorgi e rischiara, Vago augelletto, Gratie ch’a pochi ‘l ciel, Ecco che un’altra volta
Claudio Monteverdi, Ecco mormorar l’onde
Luzzasco Luzzaschi, Lungi da te cor mio
Claudio Monteverdi, Oimé il bel viso
Luca Marenzio, Solo e pensoso, Bianchi cigni canori

______________

ROSSOPORPORA ENSEMBLE
Formato da giovani e affermati musicisti italiani, RossoPorpora è una delle più originali e interessanti formazioni dedite al repertorio rinascimentale e barocco della scena internazionale. Lo stile fortemente espressivo dell’ensemble è il risultato di un attento studio degli aspetti filologici tanto della musica quanto degli ambienti sociali e culturali dai quali essa scaturisce, con una profonda adesione e una radicale immedesimazione con i testi poetici e con i caratteri delle musiche eseguite. RossoPorpora partecipa a importanti Festival sia in Italia che all’estero, tra i quali spiccano le ripetute partecipazioni a Laus Polyphonie – Anversa, Belgio, e Oude Muziek – Utrecht, Olanda. Ha inciso nel 2013 il ciclo di cantate Membra Jesu nostri di D. Buxtehude, in una registrazione definita paradigmatica dalla critica italiana, i Madrigali & Symfonie, Op.2 di Biagio Marini, premiata con il Disco del Mese dalla Rivista Amadeus. Nel dicembre 2017 è nata in seno al gruppo l’Orchestra RossoPorpora, che ha debuttato nella Stagione della Società del Quartetto di Vicenza con un programma dedicato ai madrigali concertati di Claudio Monteverdi. Nel 2018 è stato pubblicato il disco L’amoroso & crudo stile, raccolta di madrigali di Luca Marenzio che ha ottenuto un vastissimo successo di critica e di pubblico. Premiato con le Cinque Stelle dalle riviste Amadeus e Musica, è stato segnalato come Disco del Mese dalla rivista Classic’s Voice, ha ricevuto i 5 Diapason dall’omonima prestigiosa rivista francese ed è stato insignito del Premio della Critica musicale di lingua tedesca come miglior disco vocale dell’anno. Definito dalla rivista on line francese ForumOpera “Una pietra miliare storica, un disco da portare sull’isola deserta”, de L’amoroso & crudo stile la gloriosa rivista inglese Early Music Review ha scritto: “Un disco veramente eccezionale, una registrazione di tale merito musicale e qualità artistica che ci blocca nel nostro cammino”. Nel 2021 torna al festival Oude Muziek di Utrecht con un programma su Monteverdi, ed è stato protagonista della prima esecuzione in tempi moderni della raccolta Madrigali sopra le Ville di Frascati, pubblicata a Roma nel 1609. Nel 2022 canta per importanti istituzioni e festival italiani, quali l’Unione Musicale di Torino, Trame Sonore a Mantova e l’Harvard Center for Italian Renaissance Studies di Villa I Tatti a Firenze. Sono previste per il 2023 la pubblicazione discografica del Sesto libro di madrigali di Claudio Monteverdi e la registrazione della raccolta Qual musico gentil dedicata ai madrigali di Giaches de Wert.

WALTER TESTOLIN – Cantante, direttore e divulgatore musicale, dedica gran parte del suo impegno artistico alla conoscenza e diffusione del repertorio vocale polifonico del Rinascimento. Ha inciso per Archiv Deutsche Grammophon, Alpha, Sony Music, Arcana, Stradivarius, Emi, Harmonia Mundi, Warner. È fondatore di De labyrintho, tra i gruppi vocali di riferimento nel repertorio rinascimentale e dirige RossoPorpora, ensemble vocale e strumentale dedito al repertorio madrigalistico e barocco. L’attività discografica di entrambi i gruppi ha ricevuto ampi consensi dalla critica internazionale; tra i molti riconoscimenti spiccano il Premio Amadeus – Disco dell’Anno 2008 per la registrazione con De labyrintho delle Prophetiae Sibyllarum di Orlando di Lasso, e il Preis der deutschen Schnallplattennkritik, Premio per il Disco dell’Anno della critica musicale di lingua tedesca, ricevuto da RossoPorpora  per la registrazione del disco monografico su Luca Marenzio L’amoroso & crudo stile nel 2018. È autore di uno studio, presentato alla Roosevelt Academy dell’Università di Utrecht e pubblicato della Rivista Italiana di Musicologia, che propone in Josquin Desprez il soggetto del”Ritratto di Musico” di Leonardo da Vinci. Ha scritto per Treccani la parte dedicata al Madrigale nel volume Musica all’interno de Il contributo italiano alla storia del Pensiero ed è inoltre autore di numerosi articoli pubblicati da riviste musicali e musicologiche, italiane ed estere. È stato protagonista di trasmissioni televisive dedicate a Carlo Gesualdo, quali Come un’alma rapita di Sandro Cappelletto su Rai 5 e Illustri conosciuti di Piero Badaloni su TV 2000. Ha partecipato inoltre ai film sul principe di Venosa Gesualdo nostro contemporaneo di Nino Criscenti e O dolorosa gioia di Francesco Leprino. Ha inoltre curato la ricostruzione e l’esecuzione delle musiche contenute nei dipinti di Caravaggio per la trasmissione di Rai 5 Dentro Caravaggio di Tomaso Montanari. Nel 2020 fonda e dirige il Bach Collegium Roma, ed è direttore artistico dell’associazione Ghimel, attiva nella diffusione della cultura e della pratica musicale che riunisce diverse realtà artistiche e culturali italiane. Con il sostegno della Fondazione Camillo Caetani di Roma e in concorso con i Conservatori di Roma, Frosinone e Latina, idea, organizza e dirige Italia mia – Storia del madrigale italiano, progetto triennale di studi, concerti, lezioni e conferenze sul madrigale iniziato a Roma nel 2020. Studioso dell’opera di Josquin Desprez, al quale ha dedicato l’incisione di quattro dischi col suo ensemble De labyrintho, tra i quali il recente In principio. È stato invitato a tenere il concerto Josquin Desprez – Il padrone delle note 1521-2021, tenuto all’interno della Cappella Sistina e prodotto in video dal Centro Televisivo Vaticano con la partecipazione di Sky Arte, con il quale la Città del Vaticano ha voluto omaggiare il grande compositore in occasione delle celebrazioni del quinto centenario della morte. È docente di Canto rinascimentale e barocco presso il Conservatorio “F. A. Bonporti” di Trento – Riva del Garda.

 

____________

Per maggiori informazioni
www.quartetandfriends.net

Per prenotazioni:
pozzi.anna47@gmail.com
348 4419400 / 328 7379622

Le prenotazioni saranno accolte entro le ore 13 di ciascuna giornata in programma.