Sinestesia all’Anteo

Passepartout Duo Gentle Acts.Still001

DOMENICA 31 MARZO – ORE 11.00

ANTEO Palazzo del Cinema (Piazza XXV Aprile, 8 – Milano)

 

MUSICA LENTA PER TEMPI VELOCI

Passepartout Duo, composto da Nicoletta Favari (pianoforte e tastiere) e Christopher Salvito (vibrafono e percussioni)

Dal 2015 i musicisti del Passepartout Duo hanno iniziato un percorso di rivitalizzazione delle forme e pratiche della musica contemporanea per mezzo di eventi musicali tematici ed immersivi, video musicali e collaborazioni interdisciplinari che enfatizzano la contaminazione di estetiche musicali. Nicoletta Favari e Christopher Salvito girano il mondo raccogliendo ispirazioni, storie e collaboratori.

In questo concerto, una collezione di brani per pianoforte, percussioni ed elettronica, si è invitati a fare esperienza del suono in modo lento, con l’aiuto dell’immagine piuttosto che travolti all’immagine. Lo spunto visivo esce dallo schermo ed entra nella sala ed invita lo spettatore a essere un osservatore più attivo dei piccoli eventi. I video sono stati creati dai compositori stessi e sono parte dell’interpretazione del brano.

Dorian Reeds di Terry Riley (arr. di Passepartout Duo)

Poor Margie di Florent Ghys

Stop Speaking di Andy Akiho

Gentle Acts di Marta Forsberg

 

Ingresso: 8 €

(ridotto 5 €: giovani under 26 e tesserati ANTEO “Amici del cinema”)

Biglietti disponibili QUI

Note sul progetto Sinestesia:

Avviato da Gioventù Musicale d’Italia nel 2012, anno del 60° anniversario dell’Istituzione, il Progetto Sinestesia viene ideato con il duplice obiettivo di tentare un rinnovamento delle dinamiche esecutive in chiave performativa e riqualificare la figura dell’interprete musicale, favorendone l’indipendenza e la vivacità intellettuale, in un aperto dialogo transdisciplinare.

A questo scopo il Progetto Sinestesia, attraverso l’Ensemble che porta il suo nome, propone dinamiche di esecuzione concertistica originali, che vedono il linguaggio musicale divenire elemento unificante di esperienze e manifestazioni differenti del sapere umanistico e della conoscenza filosofica e scientifica. Il concerto viene infatti concepito come esperienza sinestetica nella quale sono simultaneamente coinvolti in funzione percettiva più ambiti sensoriali, consentendo al pubblico di acquisire un maggior grado di consapevolezza, coinvolgimento e comprensione nell’ascolto.

Il Progetto Sinestesia costituisce poi un’importante esperienza formativa per i giovani musicisti che entrano di volta in volta a far parte dell’Ensemble.

Nel corso di questi anni, sotto la guida del Direttore Creativo Saul Beretta e del Direttore Musicale Francesco Bossaglia, l’Ensemble Sinestesia si è esibito in luoghi molto diversi tra loro, spesso non necessariamente deputati all’attività concertistica, e in spazi da valorizzare e riscoprire.

Tra i tanti, ricordiamo: il Civico Planetario Ulrico Hoepli di Milano, l’Auditorium San Fedele, lo Spazio Oberdan (in collaborazione con la Fondazione Cineteca Italiana), il Planetario Torre del Sole di Brembate (BG), lo spazio Base Milano (in collaborazione con Milano Film Festival); infine, il Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano. Qui si è tenuta la prima esecuzione del Responsorio Meccanico per soprano, ottoni e suoni elettronici, opera che la Gioventù Musicale ha commissionato al compositore Massimiliano Viel proprio per l’Ensemble Sinestesia. Fondamentale per il Progetto Sinestesia è stata fin qui la collaborazione con le maggiori istituzioni culturali che a Milano e non solo, sono riconosciute come importanti punti di riferimento nei rispettivi ambiti.