Quintetto “Verona Concentus Ottoni”

domenica 23 aprile 2017 ORE: 17.15 Auditorium Comunale - Chioggia (VE)
Concentus7

DOMENICA 23 APRILE 2017, ore 17.15
Auditorium Comunale – Chioggia (VE)

QUINTETTO “VERONA CONCENTUS OTTONI”
FABRIZIO MEZZARI
e ROBERTO RIGO, trombe
STEFANO ROSSI, corno
LORENZO RIGO, trombone
ANTONIO BELLUCO, basso tuba

Programma:

GIOACHINO ROSSINI (1792-1868)
Ouverture dall’opera “Guglielmo Tell”
Largo al Factotum dall’opera “Il Barbiere di Siviglia”

GIUSEPPE VERDI (1813-1901)
Ballabili dall’opera “La Traviata”
Ballabili dall’opera “Aida”

FRANZ VON SUPPE’ (1819-1895)
Ouverture da “Cavalleria Leggera”

FRANZ LISZT (1811-1886)
Ungarische Rhapsodie n. 2

JOHN NEWTON (1725 – 1807)
Amazing Grace (arr. Luther Henderson)

JOAQUIN RODRIGO (1901-1999)
Concierto de Aranjuez

FRED BUSCAGLIONE (1921-1960)
Guarda che luna

HARRY JAMES (1916-1983)
Concerto for trumpet

ABBONAMENTO A TUTTI I CONCERTI STAGIONE CONCERTISTICA DI CHIOGGIA € 15 (da effettuarsi prima del concerto).
Solo per gli “Amici della G.M.I.” con tessera 2017 € 5

BIGLIETTO PER CONCERTO € 3

I biglietti e gli abbonamenti sono in vendita presso la sede di palazzo Ravagnan in Riva Vena o la sera di ciascun concerto all’ingresso dell’Auditorium

Il Verona Concentus Ottoni nasce all’interno dell’orchestra dell’Arena di Verona nel 1980, con l’intento di riscoprire e valorizzare il repertorio musicale che spazia dal periodo rinascimentale fino alle stimolanti avanguardie del nostro tempo. Il gruppo è nato come compagine di quindici esecutori, trasformatasi poi in quintetto (due trombe, corno, trombone e basso tuba) per offrire un repertorio più accattivante e versatile. I singoli esecutori hanno maturato esperienza professionale come prime parti in orchestre prestigiose: Arena di Verona, Fenice di Venezia, Orchestra Haydn di Trento e Bolzano, Maggio Musicale Fiorentino, Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, Teatro alla Scala, Orchestra Verdi di Milano, Accademia di Santa Cecilia. Collaborano attualmente con numerosi gruppi strumentali cameristici. L’esperienza artistica maturata in lunghi anni di contatto con i migliori direttori d’orchestra e quella didattica come insegnanti di Conservatorio sono alla base di questo gruppo, ed hanno permesso loro di affrontare con la stessa disinvoltura il repertorio “Classico” e quello più “Leggero”. Il complesso strumentale si è esibito in importanti festival in Italia e all’estero, annovera al suo attivo numerose registrazioni per la RAI e per reti locali.