Festival LagoMaggioreMusica 2017. Marina Bartoli e Claudio Astronio

venerdì 21 luglio 2017 ORE: 21 LEGGIUNO (VA), Eremo Di Santa Caterina Del Sasso
marina bartoli

DOMENICA 21 LUGLIO ORE 21.00
LEGGIUNO (VA), Eremo Di Santa Caterina Del Sasso

MARINA BARTOLI, canto
CLAUDIO ASTRONIO, organo

Programma:
OSTINATO & CONTRARIO

PHILIP GLASS (1935)
Music in contrary motion

BARBARA STROZZI  (1619 – 1677)
Che si può fare?

LUIGI ROSSI (1597c. – 1653)
Mio ben (passacagli)

BERNARDO STORACE (1637 – 1707)
Ciaccona

TARQUINIO MERULA (1595 – 1665)
Folle è ben che si crede
Canzonetta spirituale sopra la Nanna

JUAN BAUTISTA JOSÉ CABANILLES (1644 – 1712)
Xàcara

GIOVANNI FELICE SANCES (1600 – 1679)
Stabat Mater

PHILIP GLASS (1935)
Mad Rush

MIGUEL CERVANTES/JUAN ARAÑES (1547 – 1616)(? – 1649)
La Chacona


Marina Bartoli è nata a Mantova ed è cresciuta ad Imperia. Dopo gli studi di pianoforte ed il diploma in Canto al Conservatorio «Cesare Pollini» di Padova, si è perfezionata presso la «Schola Cantorum» di Basilea e la «Hochschule für Musik» di Zurigo. Successivamente ha preso parte ad una masterclass tenuta da Mariella Devia a Verona ed ha studiato a Salisburgo con Barbara Bonney. Si è inoltre laureata in Lettere Moderne all’Università di Padova, con una tesi di argomento storico-musicale. Ha inciso per le etichette Dynamic, Cpo, Glossa, Warner Chappell Music e Brilliant. Ha tenuto concerti in Europa, Giappone, Israele e Canada ed è stata protagonista di diverse opere barocche in prestigiosi teatri tra i quali il «Caio Melisso» di Spoleto, l’«Opéra» di Nizza, il «Rokokotheater» di Schwetzingen, il «Teatro Olimpico» di Vicenza, il «Grand Théatre» di Lussemburgo. Ha cantato sotto la guida di celebri direttori quali Gustav Leonhardt, Philippe Herreweghe, Claudio Scimone, Alan Curtis, Bob Van Asperen, Mario Brunello, Giovanni Sollima, Thomas Hengelbrock, Ingo Metzmacher, Stefano Montanari e con vari gruppi ed orchestre specializzati nella musica antica; tra questi ricordiamo «La Risonanza», «Accademia Bizantina», «La Venexiana», «L’Arte dell’Arco», «Il Complesso Barocco».

 

Musicista poliedrico, Claudio Astronio affianca l’attività di solista all’organo e al clavicembalo a quella di direttore d’orchestra e dirige il gruppo «Harmonices Mundi» con strumenti originali. È stato solista invitato e direttore di varie orchestre internazionali tra le quali la Mahler Chamber Orchestra, la Moskow Symphonic e tiene concerti e recital in prestigiose sale e festival tra Europa, Canada, USA, Sudamerica e Giappone. Ha collaborato e collabora con artisti come Emma Kirkby, Gustav Leonhardt, Gemma Bertagnolli, Martin Oro, Susanne Rydèn, Yuri Bashmet. Nel 2007 ha debuttato come direttore d’opera con il Don Giovanni di Mozart e Orfeo ed Euridice di Christoph Willibald Gluck con la regia di Graham Vick. Ha diretto oltre a Dido & Aeneas di Henry Purcell, la Serva Padrona di Giovanni Battista Pergolesi e la Passione secondo Matteo di Johann Sebastian Bach in una versione teatrale con coreografie di Ismael Ivo ed ha collaborato con il coreografo Henri Oguike con una pièce su sonate per clavicembalo di Domenico Scarlatti. Ha inciso per l’etichetta Stradivarius ed attualmente incide per Brilliant Classics. I suoi CD sono stati insigniti di numerosi premi presso le più importanti riviste specializzate italiane e straniere. Ha tenuto masterclasses e corsi in varî Conservatori e Università italiane e straniere, tra le quali l’Oberlin College (Ohio), il Conservatorio di Tokyo, la Sibelius Academy di Helsinki. Tra i suoi interessi musicali anche il jazz e la contaminazione tra mondi musicali diversi. Ha vinto per due anni consecutivi il «Premio Recanati» per la canzone d’autore 1996 e 1997, ha lavorato con la Banda Osiris e collabora stabilmente con la cantante jazz Maria Pia de Vito e con Paolo Fresu, Gianluigi Trovesi e Michel Godard. È direttore permanente dell’orchestra giovanile «Theresia» con la quale affronta il repertorio tardo sinfonico con gli strumenti originali; direttore artistico del Festival «Antiqua» in BolzanoFestivalBozen; membro di REMA (Réseau Europeén de Musique Ancienne). È docente di clavicembalo e di tastiere storiche al Conservatorio «Antonio Scontrino» di Trapani.

 

BIGLIETTO:
INTERO    € 12
RIDOTTO € 10
BAMBINI E RAGAZZI FINO A 14 ANNI INGRESSO GRATUITO

Per informazioni e prenotazioni biglietti: Cell. 333 3589577

Diventa amico della Gioventù Musicale d’Italia.
Richiedi la tessera 2017 e sosterrai la GMI e la sua attività a favore dei giovani musicisti.
Costo tessera a partire da € 20.