Orchestra Sinfonica Rossini

venerdì 19 aprile 2019 ORE: 21:00 Chiesa di San Biagio, Fabriano

VENERDì 19 APRILE, ore 21:00
Chiesa di San Biagio – Fabriano

 

ORCHESTRA SINFONICA ROSSINI

DANIELE ROSSI, direttore

TEONA DVALI, soprano

BEATRICE MEZZANOTTE, contralto

FRANCESCA RUZZEDDU, cembalo

 

PROGRAMMA:

ANTONIO VIVALDI Sinfonia “Al Santo Sepolcro” RV 169 per archi e continuo

JOHANN SEBASTIAN BACH Aria sulla quarta corda (dalla suite in re maggiore BVW 1068)

GEORG FRIEDRICH HÄNDEL Lascia ch’io pianga (dall’Opera “Rinaldo”)

Haec est Regina virginum per soprano, archi e continuo

GIOVANNI BATTISTA PERGOLESI Stabat Mater per soprano, contralto, archi e continuo

L’Orchestra Sinfonica G. Rossini (OSR) ha doppia sede a Pesaro e a Fano, è riconosciuta dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (Mibact) e dalla Regione Marche. E’ ideatrice, organizzatrice ed interprete di Sinfonica 3.0, stagione sinfonica di spicco a livello nazionale. I teatri di Sinfonica 3.0 sono: Teatro Rossini di Pesaro, Teatro della Fortuna di Fano, Teatro Pergolesi di Jesi e Teatro Angel dal Foco di Pergola. Nel periodo estivo organizza due stagioni sinfoniche di altissimo livello, Vitruvio 3.0 a Fano e I Concerti Xanitalia a Pesaro. L’OSR porge molta attenzione alla formazione. Organizza progetti come La Scuola va a Teatro, Festival Giovani per la Musica e il concorso Giovani in Crescendo, per cui ha ottenuto il riconoscimento di eccellenza culturale dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (Miur). Ha realizzato tournée in Giappone (Tokyo, Bunkamura. Kyoto, Kyoto Concert Hall), Cina (Pechino, Mei Lanfang Theatre e Beijing Concert Hall. Shenzhen, Shenzhen Concert Hall, Guangzhou, Xinghai Concert Hall. Shanghai, Shanghai Oriental Art Center), Corea del Sud, Malta, Turchia, Austria, Francia, Germania e Svezia. n Italia si è esibita in importanti teatri, Teatro Donizetti di Bergamo, Teatro Coccia di Novara, Teatro Verdi di Pisa, Teatro Grande di Brescia, Sala Verdi del Conservatorio di Milano, Teatro Dal Verme e Open Air Theatre dell’Expo, Auditorium Parco della Musica a Roma e Sala Nervi in Vaticano, Teatro delle Muse di Ancona. Ha partecipato a festival e stagioni concertistiche di grande prestigio quali Ravello Festival, Festival delle Nazioni, Sagra Musicale Malatestiana, Stagione Fondazione Donizetti, Stagione Fondazione Teatro Coccia, Festival Pergolesi Spontini. Di rilievo la collaborazione con Nicola Alaimo, Andrea Bacchetti, Andrea Battistoni, Mario Biondi, Andrea Bocelli, Stefano Bollani, Paolo Bordogna, Simonide Braconi, Michele Campanella, Roberto Cappello, Anna Maria Chiuri, Francesco Ivan Ciampa, Eddie Daniels, Mariella Devia, Enrico Dindo, Marcello Giordani, Corrado Giuffredi, Michele Mariotti, Mario Marzi, Michele Pertusi, Massimo Quarta, Marcello Rota, Corrado Rovaris, Daniele Rustioni, Giovanni Sollima, Dimitra Theodossiou, Alberto Zedda e Zubin Mehta. Partecipa regolarmente alle manifestazioni liriche del territorio come il Rossini Opera Festival, la Stagione Lirica di Fano, la Stagione Lirica di Ancona e la Stagione Lirica di Jesi. Nel 2014 ha vinto l’Oscar della Lirica con il DVD dell’opera Aureliano in Palmira di Gioachino Rossini, produzione del Rossini Opera Festival e si è esibita in diretta su Rai1 per I 100 anni del Coni, presso lo stadio Nicola Pietrangeli al Foro Italico in Roma. Nel 2016 si è esibita su Canale5 per B&Z Night (Bocelli and Zanetti Night). Sponsor ufficiale l’azienda pesarese Xanitalia.”

Daniele Rossi si diploma in Fisarmonica, Composizione, Strumentazione per Banda e Didattica della Musica presso il Conservatorio “G: Rossini” di Pesaro.  Attualmente frequenta il corso della scuola di Direzione d’Orchestra dello stesso Conservatorio sotto la guida del M° M. Benzi. Ha frequentato corsi e masterclass per la Direzione d’Orchestra con P. Bellugi, G. Kuhn, R. Muti e F. Dorsi; Seminari e Masterclass sulla Composizione con S. Sciarrino, A. Samorì, M. Garuti; l’accademia europea per direttori di coro con R. Rasmussen e i corsi di arrangiamento e improvvisazione jazz per big band con Gerardo Jacoucci. Come direttore d’orchestra ha diretto l’Orchestra Filarmonica Marchigiana, l’Orchestra del Tirolerfestspiele di Erl, l’Orchestra Sinfonica Rossini, l’Orchestra da camera Collegium Tiberinum di Todi, l’Orchestra da camera S. Maria del Suffragio di Fano, l’Orchestra e Coro del Conservatorio Rossini di Pesaro, l’Orchestra Corelli di Ravenna, l’Orchestra sinfonica Kirkos, con la quale ha accompagnato il violinista Mikail Symonian, il Frauchi Guitar Quartet. E’ Direttore dell’Orchestra da Camera S. Maria del Suffragio di Fano. La sua attività artistica si articola sia in qualità di Direttore, compositore-arrangiatore sia come strumentista in formazioni cameristiche, orchestrali e solista in vari eventi concertistici e sedi. Ha suonato con l’Orchestra dell’As.li.co. di Milano, diretta da D. Jurowskj, toccando alcuni dei più importanti teatri italiani. Ha eseguito lavori a lui dedicati e opere del compositore Lorenzo Donati per fisarmonica, pianoforte e coro; Ha registrato presso gli studi RAI di Milano sotto la direzione di Sandro Gorli e Dario Garegnani musiche in prima esecuzione assoluta del compositore Yuval Avital. Ha collaborato con il compositore Fabio Masini curando, tra l’altro, l’orchestra d’archi nell’ambito dello spettacolo “Kirkos Opera”. Lavora con diverse formazioni cameristiche che spaziano dal duo fino all’ orchestra da camera. Come Fisarmonicista ha partecipato a vari concorsi nazionali e internazionali piazzandosi tra i primi posti. Ha insegnato fisarmonica, armonia, teoria e solfeggio all’Accademia di Musica Moderna e all’Accademia Zero Crossing nelle sedi di Pesaro. È stato insegnante di fisarmonica presso l’Accademia Musicale di Ancona e docente di Fisarmonica presso il Liceo Musicale “G. Marconi” di Pesaro. Ha suonato e tenuto concerti in diverse sedi e località sia all’estero (Francia, Lussemburgo, Svezia, Germania, Austria) sia  italiane: Teatro dell’Arte di Milano, Teatro Palladium di Roma (Rome Europe festival 2011),  Teatro Comunale di Bologna,  Teatro Ponchielli di Cremona, Teatro Alighieri di Ravenna,  Teatro dell’Aquila di Fermo,  Teatro Valdocco di Torino,  Teatro Sociale di Como,  Teatro Ariosto di Reggio Emilia, Teatro Lauro Rossi di Macerata, Teatro delle Muse di Ancona, Teatro La Nuova Fenice di Osimo, Teatro Storchi di Modena, Teatro Rossini di Pesaro, Teatro C. Melisso di Spoleto, Teatro Storchi di Modena, Teatro Comunale di Carpi, Teatro Orfeo di Taranto, Palazzo Ducale di Urbania, Pinacoteca S. Domenico di Fano, Auditorium di Foligno, Teatro Rossini – Sala della Repubblica di Pesaro, Auditorium Pedrotti e Sala dei Marmi del Conservatorio “G. Rossini” di Pesaro, Sala Verdi di Fano, Teatro della Fortuna di Fano, Teatro Masini di Faenza, Foyer Auditorium Sinopoli al Parco della Musica di Roma, Sala concerti AIDM di Roma, Università popolare di Milano – SIEM, 38° Andersen Festival di Sestri Levante in collaborazione con l’attore Nicola Rignanese.

Intrapreso lo studio della musica fin da bambina, Beatrice Mezzanotte si è diplomata in canto a soli venti anni e con il massimo dei voti sotto la guida di Francesca Gavarini, presso il Conservatorio “G. B. Pergolesi” di Fermo. Si è perfezionata seguendo le masterclass di artisti di chiara fama, come Ines Salazar, Bernadette Manca di Nissa, Luciana Serra, Edda Moser, Lella Cuberli, Claudio Desderi e come allieva del corso di alto perfezionamento dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia sotto la guida di Renata Scotto. Si è inoltre laureata con lode in lingue e letterature moderne presso l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”. Dopo numerosi riconoscimenti in concorsi nazionali ed internazionali, si è imposta come vincitrice del 69° Concorso per Giovani Cantanti Lirici “A. Belli” di Spoleto. Ha interpretato i ruoli di Vespetta nel Pimpinone di Albinoni (Jesi), Paolina nello Scherzo di Balducci (Jesi – prima esecuzione in epoca moderna, registrazione live), Rosina ne Il Barbiere di Siviglia di Rossini (Teatro Sociale di Como e Teatri del Circuito As.Li.Co; Centre Lyrique di Clermont-Auvergne), Mercédès nella Carmen di Bizet (Teatro Sociale di Como e teatri del circuito As.Li.Co.), Tisbe (Cortona MIX Festival) e Angelina (Teatro Verdi di Firenze, Teatro Argentina di Roma, Teatro Del Monaco di Treviso, Teatro Marrucino di Chieti) ne La Cenerentola di Rossini, Dritte Dame (Teatro Duse di Bologna, Teatro Comunale di Modena) e Zweite Dame (Teatro dell’Aquila di Fermo, Teatro della Fortuna di Fano, Teatro Ventidio Basso di Ascoli Piceno) in Die Zauberflöte di Mozart, Suor Osmina e La Novizia in Suor Angelica di Puccini (Teatro dell’Opera di Roma, direzione di Daniele Rustioni e regia di Damiano Michieletto), Rosicca in Rosicca e Morano di Feo (Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto), Lucinda ne L’Ape Musicale di Da Ponte (Teatro Lirico di Cagliari). Ha inoltre eseguito il Gloria RV 589 di Vivaldi (Orchestra Collegium Tiberinum), lo Stabat Mater (Orchestra de I solisti di Perugia, Orchestra de I Solisti Aquilani, Orchestra giovanile “Gioachino” di Pesaro) e il Salve Regina di Pergolesi (Orchestra de I solisti Aquilani), la Petite Messe Solennelle di Rossini (direzione di M. Marini), nella Fantasia in do minore (Festival delle Nazioni, Orchestra Regionale Toscana), la IX Sinfonia di Beethoven (LaVerdi di Milano, trascrizione per pianoforte di Listz), i Wesendonck Lieder di Wagner (Orchestra di Padova e del Veneto, direzione di M. Angius), la Lauda per la Natività del Signore di Respighi (Orchestra di Padova e del Veneto, direzione di S. Balestracci), la cantata “Il pianto di Maria” di Ferrandini/Händel (Orchestra di Padova e del Veneto, direzione di Federico Guglielmo). Attiva nell’ambito della musica contemporanea, ha cantato le Folk Songs e O King di Luciano Berio, “O invano amato” di Francesco Telli per il Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto diretta da Marco Angius e Tonino Battista, scene tratte da “L’amore oscuro” di Andrea Manzoli e da “Radio città eterna” di Luca Antignani per il Teatro dell’Opera di Roma diretta da Fabio Maestri, oltre alle opere “A Christmas Eve” di Ricci/Forte e Andrea Cera (nel ruolo della Sorella Infermiera, direzione di Marco Angius) per il Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto e “Pinocchio” di Gloria Bruni (nel ruolo del Grillo Parlante, direzione di Stefano Franceschini e regia di Stefano De Luca) al Teatro Regio di Parma. Attualmente si perfeziona sotto la guida di Sherman Lowe.

Francesca Ruzzeddu ha studiato pianoforte sotto la guida della professoressa Marcella Zenobi, diplomandosi presso il Conservatorio di Latina; ha conseguito diversi titoli di studio tra cui la laurea in Didattica della Musica, studiando contemporaneamente composizione; ha studiato clavicembalo presso il Conservatorio di Latina e ha seguito corsi di Musica Antica presso diverse scuole, anche all’estero. Svolge attività di concertismo come pianista e come clavicembalista, amando particolarmente l’attività di continuista. Affianca da sempre il concertismo all’insegnamento della musica nell’ambito della scuola pubblica.