Festival “Note oltre i confini” – dal 2 al 5 settembre, luoghi vari della provincia di Modena e Reggio Emilia

logo Note oltre i confini

FESTIVAL “NOTE OLTRE I CONFINI”
2-5 settembre 2021

I LUOGHI AMENIScandiano, Quattro Castella, Fanano, Sestola, Albinea

Riparte il Festival Note oltre i confini, con un fine settimana tra Scandiano, Quattro Castella, Fanano, Sestola, Albinea, quattro giornate interamente dedicate al tema delle “Rivoluzioni”, con un chiaro riferimento all’epoca della Rivoluzione francese ma ancora più a quella della Rivoluzione industriale, con la quale nascono il diritto d’autore, una nuova editoria musicale, gli strumenti che siamo abituati a considerare “classici” – tra i quali in particolare il pianoforte – e, soprattutto, la professione moderna del compositore, libero di seguire la propria ispirazione. La vastità del tema permette di spaziare, prendendo in esame di volta in volta la rivoluzione estetica e concettuale che portò la musica dalle sale private dei palazzi nobiliari ai teatri e alle sale da concerto pubbliche, o il complesso rapporto tra l’artista e la società o ancora la visionarietà dell’ultimo Schubert, le cui composizioni tarde furono eseguite per la prima volta – e quindi comprese – solo molti anni dopo la morte. Giovanni Bietti e Carlo Serra ci guideranno così all’ascolto di Schubert, Boccherini, Haydn, Mozart, Beethoven, e ancora Verdi, Donizetti, Puccini e altri interpretati da diverse formazioni, quartetti d’archi, quintetti d’archi e fortepiano, duo pianoforte e violino.

Un’occasione per visitare la prima collina reggiana e l’Appennino modenese, un tempo punti strategici di controllo dei confini, ma anche fiorenti vie commerciali, arroccamenti di strutture difensive, o luoghi ameni ove l’aristocrazia prima e la ricca borghesia poi hanno stabilito le loro dimore estive, tra castelli, ville e giardini.

 

GIOVEDI 2 SETTEMBRE

1° appuntamento a Scandiano: ore 21.00 Salone d’onore – Rocca dei Boiardo (1° piano Sala Anceschi) Lezione–concerto Giovanni Bietti e Quartetto Indaco: Eleonora Matsuno violino, Ida Di Vita violino, Jamiang Santi viola, Cosimo Carovani violoncello. Musiche di Franz Schubert, Quartetto per archi in sol maggiore, D 887.

 

VENERDI 3 SETTEMBRE

Dalle 15.00 alle 22.00 diversi appuntamenti di musica e non solo: le note di Mozart e Schubert eseguite dal Quartetto Indaco invitano il pubblico a Casa Spallanzani da dove si parte per una visita guidata ai luoghi di Lazzaro Spallanzani.

Alle 18.30 e alle 20.30, nelle sale dell’appartamento estense della Rocca dei Boiardo, Carlo Serra ci introduce al doppio concerto, di Stefania Neonato, Mildred Derenty-Camemen, Laura Savigni fortepiano, Enrica Savigni chitarra, che ci faranno conoscere i mondi sonori e i generi musicali che fra Settecento e Ottocento animano le corti e i salotti, prima, e le sale da concerto poi.

Infine alle 22.00 nei Giardini della Rocca dei Boiardo, Patxi Montero baryton, Francesca Venturi Ferriolo viola, Giorgio Casati violoncello salutano il pubblico con una serenata notturna sulle note di Joseph Haydn.

 

SABATO 4 SETTEMBRE

L’Appennino modenese offre diversi appuntamenti, tra cui, per gli appassionati della montagna tra le H 12.15 e le 15.30 – Trekking da Fanano a Sestola lungo la via Romea, con soste musicali a cura del Trio Helianthus: Maria Carla Zelocchi flauto, Luigi Romano clarinetto, Luca Pedretti chitarra.

A Fanano (MO) doppio appuntamento col Quartetto Guadagnini: Fabrizio Zoffoli violino, Cristina Papini violino, Matteo Rocchi viola, Alessandra Cefaliello violoncello.

Ore 11.30 Chiostro degli Scolopi – Giacomo Puccini, Crisantemi e Luigi Boccherini, Quartetto in sol maggiore op. 44 n. 4 “La tiranna”

Ore 18.00 Chiesa di S. Giuseppe – Lezione-concerto con Giovanni Bietti e Quartetto Guadagnini, musiche di Maurice Ravel, Quartetto in fa maggiore e Wolfgang Amadeus Mozart, Quartetto in re minore k 421

Al Castello di Sestola (MO) alle 17.00 il Quartetto Mitja (Giorgiana Strazzullo violino, Pasquale Allegretti Gravina violino, Carmine Caniani viola, Veronica Fabbri violoncello) ci accoglie con brani dal Quartetto in mi minore di Giuseppe Verdi, per concludere la serata alle 19.00 al Teatro Belvedere con un concerto interamente dedicato a Gaetano Donizetti, Quartetto in sol minore n. 10, Quartetto in fa minore n. 7, Quartetto in re minore n. 9.

Sabato 4 settembre va in scena anche la prima collina reggiana, con un’intera giornata dedicata ai tesori artistici e non solo di Quattro Castella: alle 11.30 sulla terrazza della Tenuta Venturini, Patxi Montero baryton, Francesca Venturi Ferriolo viola e Giorgio Casati violoncello conversano con il pubblico e le musiche di Karl Friedrich Abel, Luigi Tomasini, Joseph Haydn.

A seguire chi vuole potrà visitare l’antica acetaia della tenuta, assaporando i profumi e il gusto di vini e aceti pregiati.

Il programma, a partire dalle 15.30, continua al Castello di Bianello con una visita guidata dedicata agli affreschi barocchi e alle 17.00 Francesca Venturi Ferriolo viola esegue musiche di Georg Philipp Telemann, sulla terrazza del ristorante del Castello da cui si gode la vista dell’intera vallata. La giornata si chiude alle 20.30 alla Chiesa della Mucciatella di Puianello: Carlo Serra che ci introduce al tema “Musica nelle corti e nelle case “, con le musiche di Joseph Haydn, Trio in re maggiore per baryton, viola e violoncello Hob XI:97 e Trio in la bemolle maggiore per fortepiano, violino e violoncello Hob XV:14 eseguite da Patxi Montero baryton, Francesca Venturi Ferriolo viola, Giorgio Casati violoncello, Alice Baccalini fortepiano, Franziska Schoetensack violino

 

DOMENICA 5 SETTEMBRE

Il weekend si chiude ad Albinea dove il pubblico alle 11.00 potrà visitare il giardino di Villa Arnò e, al termine, ascoltare il Quartetto Noûs (Tiziano Baviera violino, Alberto Franchin violino, Sara Dambruoso viola, Tommaso Tesini violoncello) con musiche di Wolfgang Amadeus Mozart, Quartetto per archi in sol maggiore KV 80.

Alle 16.30 al Borgo del balsamico (Villa Rossi, Via Albinea Chiesa 25 Albinea – RE) ancora il Quartetto Noûs e Giovanni Bietti seguono il percorso artistico di Mozart e l’Italia attraverso l’esecuzione di tre importanti quartetti:

Luigi Boccherini, Quartetto per archi in fa maggiore, op. 64 n. 1, Wolfgang Amadeus Mozart, Quartetto per archi in sol maggiore, KV 80 e Quartetto per archi in do maggiore KV 465.

Dalle 18.30 si potrà raggiungere la Chiesa di S. Maria dell’Oliveto, località Montericco, ove verrà proiettata l’11° puntata di “Musica da camera con vista”, girata nel settembre 2020, dal titolo il quartetto tardo-romantico.

Alle 20.30 lezione-concerto con Giovanni Bietti e Alice Baccalini pianoforte, musiche di Carl Philipp Emanuel Bach, Sonata in fa minore per pianoforte Wq.63 n.6, Wolfgang Amadeus Mozart: Fantasia in do minore, KV 475, Ludwig van Beethoven, Fantasia in sol minore per pianoforte, op. 77.

 

________________________

 

Programma completo su www.quartetandfriends.net Info e prenotazioni 3484419400, pozzi.anna47@gmail.com

Stante l’attuale normativa sarà consentito l’accesso solo esibendo il green pass o tampone negativo eseguito nelle ultime 48 ore.

“Note oltre i confini” è sostenuto dai Comuni di Albinea, Campogalliano, Castellarano, Correggio, Fanano, Formigine, Guastalla, Gualtieri, Luzzara, Modena, Novellara, Quattro Castella, Reggio Emilia, Rubiera, Scandiano, Sestola, Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale, Ente Parchi Emilia Centrale, BPER, Coop Alleanza 3.0, Iren.
Con il contributo di Regione Emilia Romagna, e il patrocinio di Provincia di Reggio Emilia e Città di Carpi.

Altre news

Festival Liszt, XIX edizione: a Grottammare e Ripatransone nelle Marche un'imperdibile vetrina di grandi artisti

LEGGI TUTTO

GREEN PASS: indicazioni per l'ingresso ai concerti

LEGGI TUTTO